LO VEDI,ECCO MARINO…… servizio di Aldo Del Gaudio , inviato speciale da Roma per tele-in-liguria-webtv.com

IGNAZIO  MARINO ex Sindaco di Roma

ignazio-marino-

Decantazione. Luogo di natura rilassante dove ci accolga chi, disinteressato, si dedichi  alla riflessione, al pensiero. Qualcosa che ritrovi la sua ragion d’essere in una musicale battuta in due tempi: battere e levare. Ci  inoltriamo, per scoprire da vicino che in chimica la decantazione e’ un metodo meccanico di separazione delle fasi che costituiscono un’emulsione o una sospensione, basata sulla forza di gravita’

Di qui a Marino, non il vino ( otri ed otri, suppongo, nelle langhe del PD post ) ma l’ex- Il Sindaco di una citta’ – Roma – che non c’e’ più. La citta’ – Roma – senza più sindaco. Sindaco e Roma forzatamente separati – il passo e’ non solo breve, ma gia’ compiuto.
Quindi : sì decantazione: Certo i due tempi simbolici, battere –  due anni e mezzo di regia – e levare…tristizia quanta la dipartita! Ma ecco la chimica: metodo di separazione delle fasi…L’aspetto più intrigante, più complesso per Ignazio ( mi rovella come mai dantesca ignavia! ) è stato non comprendere, non saper riconoscere la differenziazione fasica : agiva fuori tempo, agiva fuori luogo. Persona onesta? Ma la gestione…
Concediamocelo questo lusso ed accadra’ la magia:. Fuori scontrini, fuori viaggi americani, fuori Panda messe di sguincio, fuori il fuori tutto taggato da presunti amici, non amici, ben nemici.
Dinanzi, un serio professionista, il chirurgo Ignazio Marino che nelle beghe burocratiche, negli andirivieni politicanti ed in un carattere all’apparenza di non facile presa, ripone certe forme di sicurezza, non fragilita’ tali da renderlo inviso ai più.
Ma quanta genialmalinconica spudoratezza in quella lista, appuntata su cartoncino bianco, di cose, ricordi, oggetti personali, fotografie da riportare a casa da quegli uffici di cui, ancora e per sempre, non e’ stato capace di gestire secondo criteri tanto consoni ad inciuci, mazzette, capitali  del capitale… Soprattutto, pur difronte all’altalena dimissionaria – mi dimetto tra mezz’ora, no, meglio aspettare. Invece, come no, mi dimetto…le ritiro –   perché non offrirgli – il suo pandemonico PD – almeno l’onore delle armi?
A decidere, nei fenomeni cittadini, non può, non deve essere – come accaduto per il suo estatico, estetico PD – l’avvento velenoso, per gli effetti, di una firma notarile! ( i 26  deputati, non solo maggioranza, dimessi dal Consiglio Comunale ).
                                                                                                 Aldo del Gaudio
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...