” Musicisti di strada, nuovo regolamento : proteste !!

artisti di strada

Siamo delusi. Delusi dal trattamento che ci è stato riservato. Secondo l’articolo 8 dell’attuale regolamento, “Il Tavolo Permanente, sentiti gli eventuali comitati, i rappresentanti delle associazioni degli artisti di strada, delle associazioni e dei comitati cittadini, i singoli cittadini, i rappresentanti delle organizzazioni degli esercenti, gli esperti interpellati dall’Ammininstrazione comunale, potrà formulare pareri e proposte…”        “Sentiti i rappresentanti delle associazioni degli artisti di strada”? Non è stata una consultazione. È stata una comunicazione. Hanno deciso di regolamentare con l’app di Arthecity le zone di particolare interesse del centro storico, che indovinate quali sono? Pensate a due o tre? No. Quasi tutte quelle in cui ci esibiamo. Quasi ogni posto scelto da noi artisti, per il passaggio, per la possibilità di mettere in mostra la nostra arte, sarà disponibile solo ” a prenotazione” con diverse modalità e disponibilità in base al tipo di esibizione (nemmeno la libertà di scegliere contemporaneamente dove e in quale orario andare). Situazione che, mettendo insieme clima, eventi non riguardanti l’arte di strada, il rischio di trovare le postazioni occupate dai pochi artisti trasgressori, che però sono sempre attivi, e il rischio anche di perdere la prenotazione in attesa della polizia municipale, renderanno veramente complicate le esibizioni in centro storico. Hanno provato a semplificare la situazione: “Arrivi, non riesci a esibirti, scegli un’altra prenotazione”. Si certo, lì, proprio in quel momento, toccherebbe trovare una postazione non prenotata, compatibile con la tipologia della performance e l’orario. Chissà quando e dove… In pratica, si fa prima a tornare a casa e a riprovare domani… E anche domani la storia potrebbe ripetersi.

E tutto questo senza bisogno. Abbiamo un regolamento perfettamente funzionante. Ma non è stato abbastanza, perché ci sono delle lamentele, non verificabili, in base a quanto ci hanno detto. Ci sono delle lamentele perché ci sono pochi trasgressori, e le forze dell’ordine non sempre intervengono (anche se sono chiamate). Di chi è la colpa? Il regolamento non funziona o non è applicato correttamente? E ora chi paga?
Ovviamente, noi artisti.

Deludente. Una situazione deludente. Ci troviamo di fronte ad una nuova modalità di regolamentazione, apertamente sbilanciata a favore di chi da sempre non ci tollera. Ora ci tocca pensare. Incontrarci, parlare. Prenderci un attimo per riflettere. E per cercare di capire il perchè di questa situazione.

MAGROSS E LE MUSICHE PER FILM

magross rosso

COME REALIZZARE MUSICHE PER FILM
Immergi te stesso. Comincia guardando il film una volta, per scoprire la storia, poi guardalo di nuovo, e inizierai a vedere cose diverse, ad appassionarti al ritmo del film, al montaggio, ai dettagli, al crescendo (un po’ come una sinfonia).
Immagine titolata Compose Music for Film Step 2
Vivi il prodotto. Lascialo andare in sottofondo mentre fai altre cose (mentre lavori al computer, rispondi alle email). Il tuo cervello si abituerà al film ancora di più, è molto più efficace di quanto non si creda.
Immagine titolata Compose Music for Film Step
Guardalo senza audio. Guardalo un’altra volta e togli completamente l’audio: avrai davanti un’altra dimensione. Ti servirà più tempo che con l’audio. Vedrai ancora più dettagli, o noterai cose diverse, se è molto lento, o molto veloce. Lo stile del film e il montaggio risalteranno di più. Il cervello non sarà distratto dal suono (e le orecchie sono molto più sensibili degli occhi), perciò libererà dello spazio che la mente concentrerà sulle immagini.
Immagine titolata Compose Music for Film Step
Scegli lo strumento/l’atmosfera. Gli strumenti si scelgono in base all’atmosfera. Possono essere strumenti che non hai mai usato prima. A questo punto sarà il film a imporre ciò di cui ha bisogno.
Immagine titolata Compose Music for Film Step
Rimani fedele al ritmo del montaggio. Il montaggio può essere veloce o lento, fai in modo di capire il ritmo del film. Può cambiare molto (puoi dare un’occhiata a questo video “The Navigator”, creato per un festival europeo per la musica nei film. http://www.youtube.com/watch?v=IY48XFSFQW4). Il ritmo, la velocità, continuano a cambiare durante il video ed è importante adattarsi a quello
Rimani fedele alla storia, a ciò che succede in ogni inquadratura. Guarda il video per capire cosa significa rimanere fedeli alla storia in ogni inquadratura (ogni secondo): http://www.youtube.com/watch?v=IY48XFSFQW4
Non è obbligatorio, in questo caso era per un film muto, perciò non c’era nessun altro suono nel video, e questo permette di usare tutto lo spazio sonoro. Nella maggior parte delle altre volte, la musica che componi dovrà stare insieme a qualcos’altro (attori, voce fuori campo, suoni del film etc).
Immagine titolata Compose Music for Film Step 7
Rimani fedele ai sentimenti del film. Comporre musica per i film ha a che fare con le emozioni. Fai in modo di capire davvero l’emozione che il produttore sta cercando di riprodurre e rimani fedele a quella. Può cambiare da un secondo all’altro. Le persone passano attraverso centinaia di emozioni al giorno, perciò assicurati che la tua musica evochi il sentimento giusto, e fai in modo che riesca a riprodurlo (anche solo ascoltando senza guardare le immagini).
Immagine titolata Compose Music for Film Step 8
Non chiedere riscontri. I riscontri sono un’arma a doppio taglio. Se sei davvero immerso nel processo creativo, il riscontro di qualcuno potrebbe essere utile ma anche no. Devi essere sicuro di te abbastanza da sapere esattamente in quale direzione stai andando in termini di intenzione ed emozione, anche se non hai nemmeno un’idea di quale strumento ti ci possa portare. Puoi scegliere di comporre circondato dalle persone, o da solo. Entrambi possono essere utili.
Immagine titolata Compose Music for Film Step
Immergi te stesso. Lasciati trasportare dal film. Così come un attore che a un certo punto diventa il suo personaggio, e vive, respira, mangia, dorme e parla come lui. Le immagini ti ispireranno a fare il resto
Ricorda: la musica non è per te, è per le immagini in movimento che cerca di imitare. I tuoi gusti e la musica preferita potrebbero non aver niente a che fare con quello che serve. Lascia che le immagini ti travolgano: sarai sorpreso di te stesso
Ricorda: la musica non è per te, è per le immagini in movimento che cerca di imitare. I tuoi gusti e la musica preferita potrebbero non aver niente a che fare con quello che serve. Lascia che le immagini ti travolgano: sarai sorpreso di te stesso!

I CITTADINI DELLA VALBISAGNO INSORGONO : BASTA INQUINAMENTO, CHIUDETE LA VOLPARA ! Servizio di Angelo Spaggiari (Perseo Miranda) su tele in Liguria webtv.com

Alle ore 17:00 di ieri, Martedi’24 Settembre, si e’tenuto un corteo organizzato dalla cittadinanza attiva della Valbisagno per protestare contro l’inquinamento della Volpara. I manifestanti si sono spostati pacificamente prima in via Piacenza, successivamente su ponte Bezzecca, concludendo verso via Lungobisagno Dalmazia avvicinandosi alla Volpara, con le prevedibili problematiche del traffico e momenti di agitazione per conto degli automobilisti bloccati in coda. La polizia locale e’presente e pare particolarmente comprensiva nei confronti dei manifestanti che mostrano tutta la loro sofferenza e una sana voglia di essere ascoltati.
Il cittadino attivo, Giuseppe Siggia, coordinatore dei comitati in Valbisagno, contro ogni tipo di inquinamento, non le manda a dire e asserisce:“La Volpara ormai è la discarica dei rifiuti di Genova e città metropolitana al posto di Scarpino. Altresi’la volontaria Fulvia Cetti, con sgomento e determinazione ci spiega che l’estate scorsa non ha potuto tenere le finestre aperte a causa degli odori nauseabondi che pervadevano la sua abitazione. Significativa la presenza di Roberto D’Avolio, Presidente del Municipio IV Media Val Bisagno, anche lui a manifestare con i cittadini del corteo. Importante anche la presenza di Marco De Ferrari 5 Stelle il quale formula delle considerazioni decisamente interessanti e che fanno ben sperare. Piu’cauto e’invece il consigliere comunale Claudio Villa che invita la cittadinanza a muoversi con dei dati piu’precisi ed attendibili al fine di mettere nero su bianco i reali problemi della vallata. In definitiva:la speranza e’ l’ultima a morire ma i cittadini della Valbisagno vorrebbero vedere piu’ fatti e meno discorsi.

giuseppe siggia.jpg
Nella foto Giuseppe Siggia nel corso di una intervista Continua a leggere

“RIVOGLIAMO I NOSTRI FIGLI, CE LI HANNO PORTATI VIA PER FUTILI MOTIVI Perseo Miranda intervista il presidente dell’associazione “Papa’ Separati Liguria” Mauro Lami, per parlare del corteo svoltosi ieri, 24 Agosto, davanti al tribunale dei minori di Genova. su tele-in-liguria-webtv.com

bibbiano tele-in-liguria-webtv.com 

Nelle parole di molti genitori dei circa 300 manifestanti, la voglia di giustizia e parecchi dolorosi racconti di figli sottratti, a loro dire, con troppa facilità e leggerezza dagli assistenti sociali. 0) Buongiorno Mauro  Buongiorno 1) Qualche ora fa, in un social, riferendoti al “Caso Bibbiano” hai scritto” : “Oggi a Genova politici e avvocati non pervenuti”. Secondo te è stato un dato positivo il fatto che non siano intervenuti e se la risposta è SI, spiegaci il perchè, oppure ritieni sia stato un limite ?  Asolutamente negativo. Molti partiti si sono espressi sul caso Bibbiano, ma a livello locale la risposta è stata abbastanza limitata 2) Ti aspettavi questa sorprendente risposta (300 manifestanti) da parte della cittadinanza Ligure? Considerando il periodo estivo, che era un sabato, che è partita molto in sordina dai social direi che è stata una risposta molto buona e che in certi ambienti non si aspettavano 3) Questa iniziativa sara’uno spunto significativo per smuovere qualcosa a favore di tutti quei cittadini che hanno subito ingiustamente la sottrazione dei propri figli ? Noi in Liguria, sicuramente faremo la nostra parte 4) Pensi che per un futuro prossimo, sia indispensabie installare degli organi di controllo e sistemi di videosorveglianza laddove intervengono quelle figure professionali che dovrebbero occuparsi dei minori e di quelle altre categorie di soggetti fragili della societa’(anziani, diversamente abili ecc.) ? Sicuramente dopo che abbiamo inviato la nostra “interpellanza” (https://www.papaseparatiliguria.it/reggio-emilia-e-solo-la-punta-di-un-iceberg-di-un-sistema-completamente-marcio/) al comune, alla regione ai capigruppo, agli assessori competenti e alla procura, ci saremmo e ci aspettiamo ancora che venga istituita una commissione mista composta da pubblico e privato per verificare l’operato dei servizi di Genova. 5) Credi possa essere utile proporre a quel 99 per cento di professionisti seri ed operatori qualificati che svolgono coscenziosamente il proprio lavoro, di intervenire puntando il dito nei confronti di quell’ 1 per cento dei presunti colleghi che fanno abuso di potere e che truffano in modo sfacciato i cittadini ? Sarebbe sicuramente utile, sopratutto a loro, per garantire quegli operatori, che sappiamo esserci e che lavorano in maniera coscenziosa all’interno dei servizi sociali, degli avvocati, degli psicologi, dei pedagogisti ecct.https://www.papaseparatiliguria.it/reggio-emilia-e-solo-la-punta-di-un-iceberg-di-un-sistema-completamente-marcio/?fbclid=IwAR3QjLWZWIB7N2xuLsVlDeMX659YPXrgL96-U81IB_RJL4lSWDZkFOnsRn8  Ciao Mauro e grazie per aver prestato del tuo tempo Grazie a te