COMITATO PER GLI IMMIGRATI E CONTRO OGNI FORMA DI DISCRIMINAZIONE” Genova, Ci fcrimina molto piacere che Enrico Ioculano, il Sindaco di Ventimiglia sia sceso tra gli Immigrati Profughi in questi giorni e si sia messo in contatto con chi li ospita. Per ora, questo fa di lui sempre una Persona che possiede i Valori di Sinistra, gli stessi che lo hanno fatto eleggere il Sindaco tramite il Partito Democratico. Siamo venuti a conoscenza anche di questo suo pubblico e testuale appello quando disse: “La situazione è insostenibile”, ha dichiarato, “Fermate i migranti prima che arrivino qua. Stiamo stringendo i denti, ma questi numeri non lo permettono più. Bisogna che aumentino i controlli”. Noi del “Comitato per gli Immigrati e contro ogni forma di discriminazione” siamo d’accordo sul fatto dei controlli perché giusto è che tutti i Profughi siano identificati ma una frase del Sindaco Ioculano come “Fermate i migranti prima che arrivino qua”, francamente mi ha lasciata perplessa”, dichiara Aleksandra Matikj, la Presidentessa del “Comitato per gli Immigrati e contro ogni forma di discriminazione”.  “Ieri ci ho pensato parecchio… insomma, una frase come questa “Fermate i migranti prima che arrivino qua”, al momento nonha una soluzione logica anche perché chi l’ha detto dovrebbe essere in grado prima di fermare tutte le guerre di questo mondo. Io stessa sono Profuga di guerra, scappata dalla Serbia nel 1998 e, per assurdo, proprio dalle bombe “intelligenti” che partivano da Trieste. Non sarei in Italia ora ma nel mio paese a vivere la mia vita e dove però non posso più tornare perché le bombe che furono lanciate su Serbia erano altamente tossiche e con uranio impoverito… Per chi non lo sa e chiede, la longevità dell’uranio è di 4,5 miliardi di anni e chi vive in Serbia per ancora diversi anni, decenni e secoli morirà facilmente dalle orribili malattie come tumori, ictus, leucemie mentre i bambini continueranno a nascere deformati ed avvelenati. Furono bombardati i ponti e quelle bombe maledette avvelenarono anche l’acqua, che tuttora si beve lì… la nostra terra è avvelenata, tutto quello che si mangia lì è avvelenato, mio padre è morto a causa di quella stupida ed ingiusta guerra… le conseguenze sono state devastanti anche per l’Italia e l’Europa perché dopo nemmeno 20’anni, Kosovo strappatoci dalle mani per consegnarlo ai terroristi islamici è diventato uno dei principali covi dell’ISIS ed un’altra ventina di cellule terroristiche. Io stessa ebbi il coraggio di denunciarli l’anno scorso da Genova e furono arrestati i 4 Kosovari dell’ISIS che tra Brescia e la nostra Liguria si preparavano ad uccidere il Papa Francesco al quale in merito salvai la vita tramite questo appello del “Secolo XIX”:  http://www.ilsecoloxix.it/p/genova/2015/11/20/ASmDSdU-segnalate_immigrati_comitato.shtml ed il seguente risultato pubblicato su “Savona news”: http://www.savonanews.it/2015/12/02/leggi-notizia/argomenti/al-direttore-3/articolo/pericolo-isis-lettera-aperta-del-comitato-per-gli-immigrati-e-contro-ogni-forma-di-discriminazione.html Questo soltanto per spiegare al Sindaco Ioculano che quello che ha detto non ha senso al momento. Vuole che gli Immigrati ed i Profughi non arrivino in Italia ma che stiamo tutti nei nostri paesi? Se lui è in grado di fermare tutte le guerre ed i regimi politici contro l’Umanità, allora va bene. Ma nel caso succedesse, anche se non credo possa essere mai fattibile, se questa è la sua logica, sarebbe allora anche giusto invitare dall’estero tutti gli Italiani a tornare in Italia, così come sarebbe giusto che l’Italia rimanga soltanto agli Italiani, chiudendo ogni relazione economica, politica e sociale con tutti gli altri paesi di questo mondo. Quanto potrebbe durare una penisola che guadagna proprio collaborando con quasi tutti gli altri paesi del mondo, in particolare tramite i Porti italiani di import ed export? Un anno? Secondo me neanche… Vorrei inoltre ricordare al Sindaco Ioculano che i numeri di Italiani che emigrano all’estero è 3 volte maggiore rispetto a noi Immigrati che arriviamo in Italia. Su questo non si discute? Allora, se il Sindaco di Ventimiglia Enrico Ioculano vuole che tutti noi Immigrati Profughi, Comunitari ed Extracomunitari ce ne andiamo, noi ce ne andiamo ma che gli Italiani, tutti quanti dall’estero, tornino in Italia e che si mettano gli embarghi a questo paese che in parte urla gli slogan come “L’Italia agli Italiani” e “Mandiamo via dall’Italia tutti gli Immigrati” ma vorrei anche ricordare al Sindaco di Ventimiglia che tali slogan appartengono a chi sta con Matteo Salvini di Lega nord e che nel caso li condividesse sarebbe anche giusto che si dimettesse da Sindaco, visto che è stato votato dai Liguri di Sinistra. Nel caso invece si fosse espresso male lui, sarebbe anche opportuno che tornasse a far parte del Partito Democratico. Ringraziamo nuovamente il vescovo Monsignor Antonio Suetta, Don Rito Alvarez e il responsabile della Caritas Maurizio Marmo per aver accolto ed aiutato gli Immigrati Profughi e diamo la nostra disponibilità di collaborazione sia a loro che al Sindaco Ioculano al quale però chiediamo di fare la chiarezza anche per la sua appartenenza politica e, nel caso non fosse più di Sinistra, chiediamo le sue immediate dimissioni. Diversamente, saremo più che lieti di aiutarlo anche per l’accoglienza, sia da Genova che da Savona dove siamo in contatto con diverse Cooperative sociali”, conclude la Matikj.    Dalla Presidenza del “Comitato per gli Immigrati e contro ogni forma di discriminazione” Genova, 5 giugno 2016

13384812_10204926956132506_2145876088_n

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...